Gomblotto?

Sembra proprio che Babbo Natale non abbia ancora finito di dipensare doni. Eppure le festività mi risultano finite, sarà. A Napoli in particolare; senza nulla togliere alle qualità della squadra, è evidente a tutti che nelle ultime partite gli azzurri abbiano faticato di meno a conseguire i tre punti. Callejon si sfalda a terra, come il tonno riomare si apre con un grissino, eppure il penalty viene dato. A Milano invece si gioca a pallamano, l'arbitro contempla il cielo ed il risultato è un errore pacchiano e veramente beffardo per la Lazio, che invece giocava a calcio. Mentre a Torino, Belec decide di buttare tutti i soldi spesi per il corso di gestione della rabbia e tirare una bella pedata al dispettoso Niang. Firenze invece ha una squadra terribile, record negativo di punti negli ultimi 13 anni (non c'è altro da dire). A Verona è stato arrestato Cacciatore, non aveva rinnovato il porto d'armi.

Ma le perle di giornata a Crotone ce le regala l'inimitabile arbitro Tagliavento, nomen-omen in quanto a utilità; sembra una persona convinta delle proprie qualità e decisioni, soprattutto ha una visione tutta sua del calcio e non cambia idea neppure quando le immagini sono evidenti (non deve essere granchè producente avere una discussione con lui). Ah, ma mi stavo dimenticando di Consigli; con il gol di Masiello viene già qualche dubbio, ma l'ultimo di Freuler conferma l'ipotesi: la giornata non è di quelle belle. Ma con Masiello i dubbi sono sempre di altro genere quando i gol avvengono con dinamiche tragicomiche. Oh no?!

Leave a reply

*