Grezzo 2 - Una magica avventura. Blasfemia, violenza e tanta ignoranza

Noi tutti siamo cresciuti con il mito di Doom (Id Software, 1993), Doom 2: Hell on Earth (Id Software,1994) e Duke Nukem 3D (3D Realms,1996), videogiochi sparatutto estremamente violenti con cui passavamo interi pomeriggi sul nostro vecchio 486. Ma so che tutti noi abbiamo sempre sognato un gioco ambientato nel nostro Paese, già Assassin’s Creed II (Ubisoft Montreal, 2009) ci ha trasportati tra Firenze, Venezia, Monteriggioni e San Gimignano; il suo seguito (Assassin’s Creed: Brotherhood, Ubisoft,2010) poi, ambientato completamente a Roma ci ha provocato un fremito di felicità. Ma comunque non ci ha dato lo stesso piacere di violenza/ignoranza che noi tutti vogliamo, come per capirci quando guardiamo un film di Franco e Ciccio.
Con il tempo abbiamo imparato a metterci una bella pietra sopra, ma alla fine i nostri desideri sono stati esauditi. E non solo!

Grezzo 2: Una Magica Avventura!  è scaricabile gratuitamente dal sito del creatore del gioco, l’italianissimo Nicola Piro; per scaricarlo ci basterà andare su http://scoiattolichescopano.wix.com/grezzo2 (il nome del sito dice tutto) da cui poi verremo indirizzati sulla pagina ufficiale Facebook dove troveremo il link di download. Nel caso aveste un Mac potete trovare un wrapper con cui farlo partire, basta cercare attentamente nel sito, nel quale l’autore ci tiene a precisare: “io non ho un mac, voglio giocare ad altri giochi oltre agli scacchi e quindi mi son comprato un pc”.

Prima di raccontarvi la storia ci tengo a precisare che il gioco è estremamente violento e blasfemo, se siete sensibili a questi argomenti non vi consiglio di giocarci. Il videogame menziona in tutto e per tutto Doom.

Siamo a casa nostra e, come si suol dire, possiamo solo martellarci le palle, non in senso figurato ma in senso letterale finché qualcuno disturba il nostro passatempo masochista suonando alla porta. Ma aprendola, troveremo una bella animazione della nostra morte, e uscirà la scritta: “T’è preso ’n colpo. Sé morto!”.
Ci sveglieremo nell’aldilà, dove frati e santi inizieranno a insultarci, ma noi siamo “grezzi” e ignoranti e, giustamente, inizieremo a “corchiare” di botte e ceffoni i santi davanti a un grande crocefisso. Da qui in poi il delirio puro, l’unico nostro compito è uccidere qualsiasi cosa ci si pari davanti con la grandissima quantità di armi che il gioco dispone.
Sappiate che ci troveremo di fronte al trash in continuazione: poster di Paolo Brosio, Gigi Sabani e Vianello (e molti altri) saranno esposti nelle varie location, possiamo uccidere boss come Vasco Rossi, che si difenderà con due fucili e lanciandoci siringhe, un intero livello è sulla Costa Concordia, un altro è al Circo di Moira Orfei. Insomma se odiate le star della tv del panorama italiano in questo gioco potete letteralmente ucciderle senza pietà. Il videogame sfrutta l’umorismo della nostra generazione e di quella anni 80 puramente italiana e la fantastica giocabilità di Doom il tutto in dialetto perugino.


Ci tengo a segnalare il capitolo ambientato a Perugia, dove l’epicità di questo progetto tocca i suoi massimi livelli, e la fantastica arma: il lanciaRatzinger, insomma: poesia pura!
Grezzo 2 è un gioco italiano per italiani che odiano l’Italia “da Rete4”, un continuo spargimento di sangue come solo noi potevamo desiderare. Non so cos’altro dire di questo progetto (che è in formato demo siccome in continua evoluzione), ma è impossibile non amarlo.

Avrei voluto scrivere molto altro, ma gli aggettivi che mi vengono in mente sono sempre gli stessi: epico, figo, allucinante di sicuro una perla del panorama videoludico, e la cosa che lo rende davvero eccezionale è che è una perla del panorama videoludico (non è una ripetizione) esclusivamente italiano 100%.

"Stay hungry, stay ignorante!"

Leave a reply

*