Hardcore! - non è un videogame ma...

Oggi avrei dovuto scrivere una recensione di un videogame in prima persona a cui mi sono particolarmente affezionato ma, per fortuna, con alcuni colleghi sono andato alla prima di Hardcore! un film  uscito giusto ieri nelle sale italiane e di cui ho deciso di scrivere due righe. Premetto che io non sono un critico cinematografico, quindi vi darò una valutazione e un punto di vista tipicamente da videogiocatore, spero vivamente che i ragazzi che lavorano sul tema cinema della nostra testata mi diano (ci diano) al più presto un loro parere. Tornando a noi, solo qualche settimana fa, ho scritto un articolo sul cinema e i videogame; devo ammettere che se avessi aspettato a scrivere tale articolo, grazie ad Hardcore!, avrei cambiato qualche cosa, anzi! Probabilmente questo film avrebbe avuto un punto focale e di rilievo su tutta la questione. (se vi siete persi l'articolo sul cinema e i videogame lo potete trovare qui)

Hardcore! (Hardcore Henry) è un film del 2015 scritto, diretto, co-prodotto ed interpretato da Ilya Naishuller. La pellicola prende spunto dal cortometraggio del 2013 Biting Elbows: Bad Motherfucker dello stesso regista.¹

Viene considerato il primo film in soggettiva, ma è a tutti gli effetti il primo FPS movie. Hardcore! è sicuramente la trasposizione cinematografica migliore di un "possibile videogame" futuro, è quello che potremmo (credo tra anni e anni) vedere come videogame. Ma basta fare un film in soggettiva per renderlo paragonabile a un videogame? Assolutamente no! Hardcore! non solo presenta la "visuale" del tipico FPS (First Person Shooter) ma rispetta tutti i passi che un videogioco di genere deve avere.

Partiamo dalla trama (senza fare spoiler vi racconto i primi due minuti): Il film inizia con il nostro protagonista, Henry, che si sveglia dopo un grave incidente, scopre così che la moglie scienziato è riuscita a ricostruire il suo corpo utilizzando parti meccaniche, pochi secondi dopo dei terroristi rapiscono Estelle (la moglie di Henry). Il compito di Henry sarà salvare l'amata compagna.

Da qui in poi non vi racconterò più della trama del film ma vi spiegherò, passo per passo, lo sviluppo e il metodo narrativo rispetto i canoni di un videogame FPS:

Intro: La sequenza iniziale è molto corta per essere un prologo di un film, ma è perfetta come introduzione di un game. In pochissimi minuti vediamo una parte del passato di Henry, subito dopo segue la scena del risveglio con spiegazione di quello che è successo al "nostro" corpo.

Tutorial: Dopo l'introduzione il film segue come se fosse un livello tutorial, in questa scena ci viene spiegato come "livellare", come contattare gli alleati (NPC), come funziona la nostra vita, come recuperarla, come ci vengono comunicate le missioni e come arrivare all'obbiettivo successivo (tramite un cellulare) e a quale personaggio dobbiamo fare riferimento per aiuti vari.

Livello 1:  Il film è esattamente come un videogame; partendo dal primo livello dove ci sono pochi nemici, con cui dobbiamo fare pratica, fino ad arrivare a scontri titanici più ci avviciniamo al finale. E come ogni videogame che si rispetti dobbiamo stare attenti a chi sparare.

Inseguimento: Come in tantissimi giochi ci saranno scene di inseguimento, ovviamente l'ambiente e i cittadini saranno l'ostacolo principale.

hardcore7f-1-web

Cecchino e fuga: Per essere certi che un FPS sia completo ha bisogno di alcuni fasi importanti, seppur stiamo parlando di un film, Hardcore! propone sia una parte da cecchino che alcune di fuga. Infatti nei videogame di genere c'è quasi sempre almeno un livello dedicato al fucile di precisione e uno alla fuga disarmati. Ovviamente, se parliamo di un prodotto di qualità, avremo anche la possibilità di attacchi a sorpresa acrobatici.

Sparatoria in movimento: se pensiamo al mondo videoludico degli sparatutto sappiamo che è sempre un piacere usare un arma ad alto calibro da un veicolo in movimento, poteva mancare in Hardcore!? ovviamente no!

Esplosivi e nemici prevedibili: ed eccolo! non solo è presente l'esplosivo ma, addirittura, ci viene detta una della regole basi che noi tutti conosciamo di questi giochi: "se li senti parlare ma non li vedi, un 'confetto' gli farà esplodere tutti"; quanti di noi hanno lanciato una granata in una stanza solo perché sentivamo le chiacchiere dei nemici? e quante volte abbiamo usato bombe a comando a distanza per far fuori mezzi di trasporto grossi che dovevano seguire una strada obbligata?

Personaggi divertenti e night club: i personaggi che strappano una risata sono assolutamente un elemento che non dovrebbe mai mancare in un videogioco violento, ma anche un classico livello ambientato in un night o in un bar. Hardcore! non manca neanche questo dettaglio.

opener-1-375x195

Varie ed eventuali: per non dovermi dilungare troppo ci sono molti fattori che rendono questa pellicola un vero omaggio agli FPS come le armi a grosso calibro, gli attacchi in elicottero, le armi improvvisate (come cacciaviti), le acrobazie in parkour, le cassette medicinali, le parti di "escapologia" e le cutscene.

Il Boss finale: come in tutti i game che si rispettano dobbiamo inseguire un boss fino alla fine, e dovremmo trovare un metodo alternativo di attacco.

Hardcore! è sicuramente un dei film sperimentali che più mi ha colpito, e riesce a portare l'emozione del videogame di genere anche a chi non ha mai giocato. Difficile per me riuscire a dire se è un "bel film" in quanto da videogiocatore non solo ho goduto nel vedere una resa così significativa che mi ricorda molti articoli che ho provato, ma ho anche colto molte citazioni che non sto nemmeno ad elencarvi; posso dire che è un'esperienza imperdibile, almeno per godere dell'idea di un film in soggettiva. Sbilanciandomi potrei affermare che questo film risulta il miglior prodotto che racconta l'esperienza di un videogame, cambiando in parte la mia visione cinematografica sui film che trattano videogiochi (come già detto, articolo che ho scritto settimane fa).
Non voglio dire altro, anche perché aspetto trepidante la recensione dei colleghi cinefili, per potergli saltare in testa con un mitra se osano bocciarlo.

¹ Fonte Wikipedia

Leave a reply

*