Horizon: Zero Dawn - La natura dei predatori d'acciaio

3 anni fa molti gamer sono stati abbagliati dalla creatività, l’ispirazione e la maestosità dei primi minuti di video rilasciati da Guerrilla Games. Presentando spezzoni del loro progetto più ambizioso: Horizon: Zero Dawn, un gioco preceduto dall’hype che si è innalzato al cielo negli ultimi mesi, incuriosendo sempre più giocatori ad avvicinarsi allo stupendo mondo di questo titolo open world.


Horizon: Zero Dawn, uscito il 1° marzo 2017 Esclusivamente per PS4 e PS4 Pro sfruttando il nuovissimo Decima Engine, prodotto da Guerrilla Games, la quale ha sfornato un’opera significativa, profondamente narrativa ed entusiasmante dal lato del gameplay. Horizon si può classificare come un insieme di elementi RPG che hanno visto la luce negli ultimi anni, rispolverati e uniti tutti sotto lo stesso contesto, la stessa idea fantascientifica che identifica i vasti panorami e le aspre montagne di Horizon: L’umanità vive in un era dove contende il dominio del pianeta terra con le macchine, noi vestiremo i panni di una cercatrice che sarà il fulcro di molti enigmi che verranno posti durante la narrazione che vi terranno incollati al joystick, famelici di conoscere sempre un po’ di più di questo mondo, desiderosi di incontrare le creature più particolari e dare la caccia agli automi più sfuggenti e possenti della catena alimentare bionica.
Questo gioco ricorda FarCry 3 per le dinamiche di crafting e raccolta risorse, Assassin’s Creed per le sessioni parkour e stealth, The Witcher 3 per la profondità dei contenuti narrativi e il livello di dettaglio di ogni singolo elemento che interviene sull’immersività del gioco, il tutto coperto da un velo cyberpunk ereditato da papà Killzone Shadowfall. Ma questo mix di gameplay ed estetiche non va a minare la creatività che c’è dietro Horizon, perché è proprio l’immensa idea che struttura questo mondo che riesce a far coabitare tutte queste caratteristiche e ad essere il vero nucleo vibrante del gioco.

Horizon è pura ispirazione, ci si sente legati al mondo in cui ci siamo tuffati, complici di tutte le avventure che vive Aloy, la spettacolare protagonista del gioco. Imparerete ad affezionarvi e immedesimarvi in lei, provando insieme a lei tutte le emozioni che vi investiranno.
Il comparto grafico eccezionale lascia senza fiato, la vegetazione è brillante e piena di respiro, pecca un po’ la regolazione della luce durante le fasi notturne ma senza arrivare a dare fastidio e i dettagli luminosi ed elettrici delle macchine sono pura arte videoludica.

Guerrilla ha rilasciato un gioco perfetto sotto ogni aspetto, gli elementi combaciano perfettamente fra loro in un quadro pieno di vita e colore e puro istinto. Quando vi troverete a vostro agio con le meccaniche del personaggio, del crafting, gestendo decine e decine di armi diverse, modifiche, armature leggere e trappole, inizierete a giocare senza pensare, senza più trovarvi in situazioni dove metterete in pausa per riflettere su come gestire questo enorme t-rex versione terminator che vi si sta scagliando addosso, imparando a gestire ogni istinto e il vostro più forte stimolo: la sopravvivenza, diventando infine IL predatore.
Horizon Zero Dawn non finirà mai di stupirvi, lasciandovi senza fiato ogni volta che vi troverete in una situazione nuova e pericolosa, permettendovi però di farvi valere come il predatore più forte del pianeta.

Leave a reply

*