Tom Goes To The Mayor: stupidità stravagante

Non si tratta di un vero e proprio cartone animato, bensì è più un… una… un’immensa minchiata. Che però fa ridere. Consigliato a chi mastica bene l’inglese (lo so, mi spiace per la maggior parte di voi, ma credetemi che non vi fa male imparare un po’ di anglosassone) questa serie la potete trovare sul canale di Adult Swim, in libera visione. Creata nell’ormai lontano 2004 da Tim & Eric, una coppia comica famosa nella televisione americana, questa serie composta da due stagioni è un simpatico passatempo. Con un particolare gusto per lo strano, eccedente l’ambiguo, vedremo situazioni e personaggi che porteranno subito a chiedersi quanto fosse grande il pentolone di ayahuasca nel quale sono caduti da bambini i due creatori.

Ambientata in una piccola cittadina americana chiamata Jefferton, vedremo come protagonisti il Sindaco (the Mayor) e Tom Peters, un nuovo cittadino che si presenta nell’ufficio come consulente. Interpretati rispettivamente da Eric e Tim.

Ogni puntata inizia sempre con Tom che propone nuove idee per la città ed il sindaco che fatica a riconoscerlo ogni volta, finché Tom non dice il suo nome.

Spesso intento in faccende che nulla hanno a che vedere con la sua carica e i suoi compiti da sindaco, il carattere estroso e folle di esso trascinerà in assurde imprese il consigliere Tom, il quale sarà spesso soggiogato da sfortune e incidenti. Del quale Sindaco ne riderà sempre.

Troviamo anche dei personaggi famosi all’interno della serie, come Jeff Goldblum che impersona il rivenditore di animali domestici o Jack Black come rivenditore di trappole per orsi.

L’animazione a fotogrammi spesso viene mischiata con dei video veri, come il telegiornale di Jeffeton, con i due presentatori (sempre Tim e Eric) che faranno la coppietta patatosa. E qui capite che il pentolone di ayahuasca era davvero grande.

Dalle spade elettrificate a mutazioni corporali estreme, la fantasia se la viaggia libera. Anche fin troppo alle volte.

Consigliato a chi capisce l’inglese e non capisce cosa sta guardando.

Leave a reply

*