Un campionato a parte

Inutile girarci attorno, devo ammetterlo: il calcio mi ha stufato. Poche emozioni, partite noiose con squadre trincerate dietro alla tattica maniacale, niente dribbling, palla di qua e di là velocemente (non sempre, anzi) per aprire le marcature. Che palle! Poi vedi giocare la Juventus e ti rendi conto che il livello tecnico è mostruosamente superiore alla media italiana, cosa che rende le partite ancora più noiose, seguendo il solito schema: inizia la partita e la Juve parte forte, palla che gira come fosse una sinfonia, dribbling, cambi di gioco, tacchi e giochesse che spesso portano al vantaggio; quando comincio a essere ubriaco, mi accendo un cicchino e non succede nulla per circa un quarto d'ora, dove la palla gira lentamente per far correre a vuoto gli altri e controllare la partita; mi alzo a prendere una birra in frigo e fa gol! Pur guardando le partite, mi son perso un sacco di gol per il vizio che hanno di addormentare le partite. Poi si sa, la Juve ruba e la gente si scansa, infatti in Europa non vince. Il Napoli gioca molto bene, un calcio offensivo che da anni incanta il suolo europeo. Ah no, scusate quella è la Roma. Neanche lei, ne prese sette qualche anno fa dal Manchester United. Il Milan ha dominato per anni, ma ormai è in declino, così come l'Inter che ha dovuto aspettare Calciopoli per poter finalmente ambire ad una storia degna, anche se sappiamo tutti in che acque navighi dopo quella gloriosa annata. Per carità, non voglio entrare nel merito di questioni delicate come il tifo e la giustizia sportiva, ma la storia ha poi rivelato i fatti per come si sono svolti (è questo il suo bello), ma nella memoria collettiva rimane il titolo in prima pagina con relativi cori da stadio. Mi vengono in mente le accuse di doping, che poi furono cestinate in quanto il fatto non sussiteva. Calciopoli ha confermato un sistema calcio malato le cui spese le ha portate sulle spalle solo la Juventus, spedita in Serie B come una lebbrosa. A distanza di undici anni, dopo cinque scudetti consecutivi e il sesto nel mirino, arrivano altre accuse che da mesi occupano le prime pagine di quotidiani sportivi e non solo; il Presidente Agnelli coinvolto nel giro di bagarinaggio dei capi ultrà. Farebbe anche ridere se non fosse che c'è addirittura un'inchiesta di mezzo. Farebbe ridere come quella volta in cui la Roma perse contro la Juve e ci fu un interrogazione parlamentare; ricordo le parole di Totti "La Juve deve fare un campionato a parte" poi vedo il suo cammino fuori dai confini nazionali e francamente fa già ridere così. Farebbe ridere come quella che la Juve vince grazie ai rigori, ma andando a spulciare le statistiche è bene stendere un velo pietoso. Il calcio è noioso anche per questo. Il Napoli ha contestato la partita persa in Coppa Italia per un presunto rigore ai danni di Albiol, senza soffermarsi invece sull'evidenza: corner a favore, lascia 50 metri di campo aperto al contropiede che chiude la partita. L'evento degli ultimi trent'anni per loro è stata la sfida contro il Real Madrid, che per un qualsiasi top club è invece una partita di coppa. Questa mentalità non mi convince e rovina lo spettacolo che in effetti è ormai inesistente. Giornate che iniziano al venerdì per poi concludersi il lunedì, stadi fermi agli anni '90 ed una Serie A che sta cercando di risollevarsi grazie alla sfornata di giovani talentuosi. Ma le big non esistono più. Non esistono più quelle belle partite spettacolari in cui era impossibile fare un pronostico; non esistono più i fenomeni di periferia dove si retrocedeva con il capocannoniere in squadra. Avete forse ragione quando dite che la Juve vince grazie a questo e quello, non voglio contestarlo anche perché non me ne viene in tasca e in testa nulla, però guardando la questione da una prospettiva più ampia, esitono dei dati inconfutabili e delle evidenze: stadio, ricavi, introiti, Ranking Uefa, ecc. Ripeto, il calcio mi ha ormai annoiato, ed è sicuramente un mondo in cui non mi ci ritrovo; proprio per questo credo sia doveroso fare delle analisi serie e non da stadio o da bar sport.

Tags'ndranghetaAdidasagnelliAgnelli bagariniAgnelli criminalità organizzataanalisiAndrea Agnellianni 90arbitribagarinaggiobagarinibarcaBarcellonacalcio di rigoreCalciopoliCamicetacampionatocampionato a 20 squadrecampionato di calciocampionato spezzatinoCampione d'ItaliacampioniCampioni d'EuropaCampioni d'ItaliacapocannoniereChampions Leaguechupitichupiti d'informazionecinque scudetti di filaclassifica marcatoriclassifica serie ACoppa CampioniCoppa delle CoppeCoppa ItaliaCoppa Uefacoppecoppe europeecurvecurve apertecurve chiusecurve stadiDiretta Premiumdiritti tvdopingdoping calcioDrughiesclusiva Mediasetesclusiva Premiumesclusiva SkyeuropeofacebookFamiglia AgnelliFarsopoliFifafuorigiocoGiuseppe Pecorarogiustizia ordinariagiustizia sportivagoal technologygobbigolal line technologyGrande RealGuarinielloillustrazioniinchiesta Alto Piemonteinchiesta magistraturainno JuveJeepJohn ElkannJuve BarcaJuve BarcellonaJuve NapoliJuve Real MadridJuve storia di un grande amorejuventini gobbijuventusJuventus Stadiumla moviola è uguale per tuttiLapo Elkannline technologyLippimafiamalavitaMarcello LippiMarco Di Lellomondialimondiali di calcioMourinhomoviolamoviola in campoNapolinastorixNikePalazzipallone d'oropolemichepolemiche arbitraliPremiumRanking UefaReal Madridrigorerigoriromascontri tra tifosiscudettoscvarpa d'oroserie aSerie A TIMsesto scudettosesto scudetto consecutivoSkySky SportsponsorSportmediasetStoriastoria JuveSupercoppa Italianatestata Zidanetifoserietifoserie avversarietifosiTiki TakaTimtottiTotti scarpa d'orotripleteUefaultràultrasun campionato a parteVialliVikingZidane

Leave a reply

*