Un nuovo inizio

Non è facile commentare una giornata di calcio così particolare, ma la vita ed il calcio vanno avanti ugualmente. L'importante è proseguire con dignità, serietà e rispetto, nel ricordo di chi si è sempre comportato in questa maniera. La commozione e la confusione mentale coinvolgono pubblico e giocatori. Il Napoli s'inceppa a Milano, la Juve ormai è lì, come sempre pronta a vincere e Dybala corona una settimana calcisticamente da sogno. Il Milan a Genova invece scopre addirittura che Andrè Silva ci vede eccome e stende nel recupero i rossoblù; nel frattempo a Roma, Daniele De Rossi si riscopre bomber di razza con un gol alla Higuain. L'Hellas si porta a casa un derby fondamentale, contro un Chievo quest'anno irriconoscibile. A Bologna invece il Papu Gomez doveva avere una gran fame, visto il gol che si è mangiato; mentre a Crotone, la Samp decide di mettere in scena un horror show, col solo Viviano che, pur cercando di parare tutto e rimediare agli errori dei suoi difensori, concede uno dei gollonzi di giornata. A Cagliari, la squadra di casa viene raggiunta dalla Lazio all'ultimo secondo, con la difesa immobile a guardare Ciro segnare, dopo che i sardi sono passati in vantaggio grazie alla giocata da flipper in area biancocelesti, con Pavoletti a concludere. Il resto della giornata è tutto un tributo ad Astori. Come è giusto che sia. Ma dalla prossima giornata mi piacerebbe rivedere il sorriso sulla faccia di chi gioca e di chi va allo stadio, senza polemiche, accettando la sconfitta e prendendo la vittoria senza infamare la squadra avversaria, iniziare a ritrovare i valori sportivi. Altrimenti ogni lacrima sarà stata versata a caso, ogni parola detta perchè il vento se la porti via. Un nuovo inizio.

Mi piace aprire tutto. Duccio smarmella!

Leave a reply

*