Who Will Survive in America

Per capire che lo show business e la politica negli Stati Uniti vadano da tempo a braccetto basta guardare Ronald Reagan, che nel 1967 divenne il 40° Presidente dopo aver militato nel cinema come attore, o Arnold Schwarzeneger, governatore della California tra il 2003 e il 2011. Questo fenomeno, ormai approdato anche in Italia (Beppe Grillo vi dice nulla?) la scorsa settimana ha visto un trionfante Kanye West agli MTV Video Music Awards dichiarare la sua candidatura per la presidenza U.S.A. nel 2020.

Non ci è dato sapere se si è trattato di un'uscita, è proprio il caso di diro, "alla Kanye" (noto per avere un carattere tutt'altro che mite e una reputazione discutibile sia in fatto di educazione che di etica) o di una reale idea di lanciarsi nel mondo della politica, fosse anche come emblema del cambiamento che la stessa politica tanto brama quanto teme. In ogni caso è riuscito persino a muovere l'attuale candidato repubblicano Donald Trump.

Giocando d'anticipo, abbiamo cercato di trovare almeno 9 buoni motivi per cui, in fondo, Kanye West, non sarebbe poi un cattivo Presidente: 

1. avrebbe a cuore la scienza e le scoperte della NASA - "I wish I could buy me a spaceship and fly past the sky"
2. sarebbe un esempio per il livello di scolarizzazione - "Told 'em I finished school, and I started my own business. They say, 'Oh you graduated?' No, I decided I was finished."
3. si batterebbe per una legge corretta sulla sanità - "You know the best medicine go to people thats paid"
4. conosce molto bene la storia americana - "Since OJ had Isotoners"
5. ha un parere chiaro e deciso sulla politica militare - "I can't study war. I did it for the glory"
6. non chiuderebbe occhio per la sua patria - "It's 4am and I can't sleep"
7. inizierebbe una vera e propria rivoluzione verso un ateismo completo - "No church in the wild"
8. che approverebbe tuttavia l'esistenza di una religione monoteista  - "I Am A God"
9. sconfiggerebbe una volta per tutte il Made in China - "We made it in America"

Scherzi a parte, reduci da una vicenda simile in Italia, ci chiediamo come mai Kanye voglia aspettare proprio il 2020 per candidarsi? Sarebbe stato molto più divertente vederlo gettarsi nella mischia di un Politicians DeathMatch tra la Clinton e Trump, con Kim Kardashian vestita Versace a bordo ring a tifare per lui. Perché sì, dopotutto, ci si potrebbe aspettare anche questo dagli U.S.A.: un presidente rapper "thug life" con una first lady ex coniglietta di Playboy e successivamente starlette televisiva, un vice alla Jay Z che comodo si fuma un sigaro nelle sue Reebok e una Casa Bianca trasformata in una Club House piena di Hummer, Jacuzzi, Champagne e "chicks" a fare booty shaking sui vari invitati. Scenario apocalittico o meno, siamo abbastanza certi che quantomeno gli Stati Uniti si toglierebbero dalle scatole Putin per un bel po'.

(n.d.r. tutti i corsivi, come il titolo, sono tratti dai testi di Kanye West) 

Leave a reply

*