“Now You See Me 2”

Il primo film del 2013 aveva avuto il pregio di utilizzare l’elemento magico ai fini della trama, rendendo la storia piacevole, divertente, intrigante e, a tratti, sorprendente; una vera e propria iniezione di novità in un clima cinematografico internazionale assai privo di nuove idee da decenni. I protagonisti erano quattro abili illusionisti “I Cavalieri” che, grazie all’utilizzo di trucchi spettacolari durante i loro show, commettevano palesi rapine, razionalmente inspiegabili, ai danni di potenti uomini d’affari, distribuendo, poi, l’enorme refurtiva al pubblico presente in sala.

Un anno dopo la perdita plurimilionaria subita dal padre, Walter Tressler attua un piano astuto per avere vendetta su I Cavalieri. La storia inizia negli Stati Uniti, passa per Macao e termina a Londra, dove i numeri di magia diventano ancora una volta il mezzo per colpire in modo definitivo il ricco, corrotto e cinico Arthur Tessler.

Il cambio di regia - Jon M. Chu al posto di Louis Leterrier - non ha donato particolari elementi di novità alla pellicola che, infatti, resta ai livelli della precedente. Ancora una volta I Cavalieri sono interpretati da Jesse Eisenberg, Woody Harrelson e Dave Franco, mentre Michael Caine, Mark Ruffalo, e Morgan Freeman, sono stati riconfermati nei panni della vittima, dell’agente F.B.I. e dell’ex prestidigitatore giornalista. Il cast è stato arricchito dalle new entry di Daniel Radcliffe e di Lizzy Caplan.

A favore della pellicola giocano il confermato divertimento, il fascino dell’occulto, gli attori che sembrano voler giocare direttamente con gli spettatori seduti davanti allo schermo e lo splendore delle città in cui si muovono i personaggi. Contro non si può non considerare quell’intrattenimento che, per poter essere tale, richiede al pubblico una sospensione della realtà davvero incredibile; inoltre, il finale appare prevedibile sin dal primo tempo, negli ultimi venti minuti il ritmo scompare, così come risulta assente l’elemento ironico del film del 2013. Probabilmente sarebbe stato più opportuno sforbiciare di almeno 10-15 minuti i 129 della durata. Infine, Daniel Radcliffe non sembra proprio credibile nel ruolo: aspetto, purtroppo per lui, non nuovo nella sua carriera d’attore.

La principale motivazione di questo film risiede nei 75 milioni di dollari del primo che ne hanno fruttati 275 circa in tutto il mondo; attendo sin d’ora di sapere se l’operazione otterrà risultati migliori o peggiori. Nel frattempo è stato di recente annunciato che Jon M. Chu sarà il regista anche di “Now You See Me 3”: non a caso, infatti, nei dialoghi si preannuncia una continuazione delle avventure de “I Cavalieri”.

Consigliato: agli amanti della leggendaria carriera di Harry Houdini, ai fans di David Copperfield, agli orfani di Giucas Casella. Voto: 6.

Leave a reply

*